Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Su

Nicola Ravera Rafele

presenta “Il senso della lotta”

Venerdì 10 marzo | h19

Il candidato al premio Strega 2017 Nicola Ravera Rafele è ospite alla Luna di sabbia per la rassegna “Scrittori nel tempo, letture della contemporaneità“, a cura del critico e saggista Vito Santoro, per presentare il suo libro “Il senso della lotta” edito da Fandango.

Nicola Ravera Rafele racconta una vicenda familiare che comincia nel 1969 e arriva fino ai giorni nostri. Romanzo borghese, noir letterario, j’accuse generazionale, Il senso della lotta è un libro sul presente che fa i conti con il passato.

 

Il protagonista, Tommaso, nei giorni dispari della settimana va a correre. Allena il fiato, svuota la mente. A trentasette anni ha un contratto a tempo nella redazione romana del Corriere della Sera, una fidanzata esigente, e una zia, Diana, della consistenza di una quercia, che l’ha cresciuto da quando, nel 1983, suo padre l’ha lasciato lì, davanti a casa, prima di scomparire nel nulla, nel bel mezzo di un temporale estivo. Già, perché i suoi genitori, Michele Musso e Alice Rosato, da quelle poche informazioni che ha, sono morti in un incidente, ed erano terroristi.

A trentasette anni Tommaso è riuscito a costruirsi una vita normale, a non pensare più al suo tormentato passato. Ma quando una mattina il respiro gli s’ingolfa, e un dottore, diagnosticandogli un attacco di panico, gli chiede se sia figlio di quel Michele Musso, che lui ha incontrato a Grenoble nell’84, qualcosa si rompe, come uno strappo in una rete. Perché quella data fa tanto rumore? Quante versioni esistono della stessa cosa? In quale punto puoi ricucirle insieme senza sentire troppo male?

Nicola Ravera Rafele (Roma, 1979) ha esordito a 15 anni con Infatti purtroppo. Diario di un quindicenne perplesso. Nel 2014 ha pubblicato UltimoRequiem, con Mimmo Rafele. È in libreria per Fandango con Il senso della lotta, è candidato al premio Strega 2017