Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Su

Cristiano Cavina

presenta “La pizza per autodidatti”

Giovedì 30 marzo | h19

CRISTIANO CAVINA è il nuovo ospite della rassegna SCRITTORI NEL TEMPO, curata dal critico e saggista Vito Santoro. Personalità poliedrica in quanto scrittore, pizzaiolo, sportivo, Cavina presenta il libro LA PIZZA PER AUTODIDATTI (Marcos y Marcos).

La mattina Cristiano Cavina incontrerà gli alunni della scuola media “R. Moro” di Barletta per presentare il libro per giovani lettori PINNA MORSICATA (Marcos y Marcos).

 

Non l’ha scelto lui, il mestiere del pizzaiolo.
È stato un matrimonio combinato e all’inizio eran dolori: gli venivano le pizze con gli spigoli e niente discoteca il sabato sera.
Dopo vent’anni, con un forno e una pallina di impasto può fare quello che vuole, anche bendato. Sforna pizze buone e leggere come uno sbuffo di farina. Con quattro o cinque foglie di tarassaco e altrettante fette di pancetta. Con santoreggia e salame piccante, topinambur e salsiccia, squacquerone e rosmarino.
Alla Pizzeria Il Farro di Casola Valsenio, Cristiano è il ‘pizzaiolo quando c’è’. I giorni che non scarica la legna, magari va a Roma per lo Strega, o incontra Doris Lessing davanti a un buffet.
Questo libro è come la sua vita, unisce mondi che sembrano lontani, tra consigli preziosi sulla pizza e racconti esaltanti.
Ha il calore del suo sangue romagnolo, lo slancio delle sue avventure senza rete.
Ha il gusto del lavoro ben fatto.
E fa venire l’acquolina in bocca.
Per chi ama la pizza e chi la vuol fare.

Cristiano Cavina nasce a Casola Valsenio nel maggio del 1974 e c’è ancora dentro fino ai capelli: Made in Casola è il marchio in calce ai suoi romanzi e alle sue mail.

Si nutre di storie fin da piccolo, ascoltando i racconti dei vecchi al bar; quando poi scopre i libri, la sua strada è tracciata. Scrive di cose che conosce bene: la sua infanzia in Alla grande (premio Tondelli) e Un’ultima stagione da esordienti; l’epopea di Nonna Cristina in Nel paese di Tolintesàc; la sua storia di figlio senza padre e di padre fuori dagli schemi nei Frutti dimenticati (premio Castiglioncello, premio Vigevano, premio Serantini, Selezione premio Strega); il lavoro nell’immensa cava di gesso alle porte di Casola Valsenio in Scavare una buca; i suoi anni di scuola superiore in Inutile Tentare Imprigionare Sogni.

In La pizza per autodidatti trasmette la sua esperienza di ‘pizzaiolo quando c’è’ nella Pizzeria Il Farro di Casola Valsenio: tra impasti, temperature e ricette, ci svela l’importanza del forno per un narratore come lui.

L’ultima impresa editoriale è Pinna Morsicata, il primo romanzo per piccoli scritto da Cristiano, il secondo volume della collana Scarabocchi.